Buone regole per l’uso del trasportino… con il gatto

Molti proprietari di gatti hanno un incubo, chiamato trasportino!

Buone regole per l'uso del trasportino... con il gatto

Spesso uno strumento di tortura per il gatto, eppure mezzo di trasporto indispensabile in certe situazioni, dal viaggio in macchina o sul treno, alla visita dal veterinario. Proprio per questi motivi, è fondamentale abituare il gatto fin dai primi mesi di vita al trasportino e fare in modo che non debba viverla come una situazione traumatica.

Come fare?

Buone regole per l’uso del trasportino

  • Prima di tutto serve lasciare il trasportino aperto in un punto della casa, introdurci eventualmente una maglia con l’odore del proprietario e cercare di concentrare molte delle cose piacevoli per il gatto (bocconcino prelibato, giochi, coccole), proprio in prossimità del trasportino.
  • Evitare, almeno per i primi tempi, di chiudere subito il gatto dentro per non rischiare di spaventarlo. Non appena inizierà ad entrarci e a farci dentro anche qualche “pisolino”, provate ad accostare la porta della gabbietta e poi a chiuderla, prima per pochi minuti e poi aumentando gradatamente il tempo.
  • Per fare apprezzare ulteriormente il trasportino al gatto è possibile anche spruzzare al suo interno uno spray a base di feromoni con un effetto tranquillizzante. In questo caso, l’effetto non è garantito ma vale la pena provare.

Se il gatto dovesse scegliere questo luogo come cuccia, vorrà dire che siete riusciti nell’impresa di rendergli il trasportino una zona di tranquillità e di sicurezza.

Esistono in commercio diversi tipi di trasportino

  1. simile a una gabbia (in cui il gatto riesce meglio a vedere tutto ciò che gli sta intorno)
  2. di plastica chiuso (ideale per i soggetti più spaventati, perché in questo modo vedono meno all’esterno e si sentono più protetti). Quest’ultimo può essere anche più comodo per portare il gatto in ambulatorio in quanto, se l’animale una volta sul tavolo visite si rifiuta di uscire dalla gabbia, è possibile togliere il coperchio e visitare il gatto lasciandolo direttamente sul fondo del trasportino.
  3. in vimini che però risultano meno facili da pulire.

Al di là della tipologia della gabbietta, è di fondamentale importanza verificare che abbia una chiusura sicura per evitare che l’animale, preso dal panico, riesca ad uscire. Abituare il gatto a viaggiare tranquillamente nella sua gabbietta, renderà sicuramente il viaggio più piacevole sia per l’animale, ma anche per il suo proprietario.

MA SOPRATTUTTO RICORDATEVI DI…

…pulire molto bene il trasportino dopo l’utilizzo, strofinando con sapone di marsiglia (assolutamente no alcool)! Così eliminerete eventuali feromoni d’allarme lasciati dal gatto impaurito!

Taggato con: , , ,
Pubblicato in notizie
Clicca MI PIACE!
Accedi adesso!

Newsletter