S.O.S. Cuccioli abbandonati – Primi giorni

Cosa fare con i cuccioli senza mamma

cuccioli abbandonati

Siamo quasi a Natale e, purtroppo, come in tutti i periodi di “vacanza” aumentano gli abbandoni. Oggi vi voglio parlare della mia esperienza personale con il mio cucciolo, trovato abbandonato appena nato e, ovviamente, senza la sua mamma. Superato il primo momento di “Oddio, ma è un cane, un topo o cosa??” data la difficoltà che ho avuto di notte, essendo anche nero, ad identificare cosa fosse quel fagottino peloso, la prima cosa che ho fatto (e che indubbiamente bisogna fare) è stata portarlo il prima possibile presso una struttura veterinaria (nel mio caso l’ho portato in una clinica 24h) sia per verificare lo stato di salute del cucciolo, sia per sapere se, per caso, avessero in clinica, o tra le conoscenze, una balia canina.

Solitamente scegliere di affidarlo ad una cagnetta con il latte è la soluzione migliore per la giusta nutrizione e crescita del cucciolo ma nel mio caso, non è stato possibile trovarla e mi sono dovuta improvvisare “mamma” e allevatrice in un colpo solo! Non è una missione impossibile, ma neanche una passeggiata di salute. Il cucciolo va allattato ogni 2 ore con il latte specifico per cani (quello della Bayern è molto buono e facilmente reperibile anche in farmacia) ed il relativo biberon.

Non tutti i cuccioli sono uguali, come del resto i neonati, e quindi la scelta del biberon è fondamentale. Per i primi giorni, anche per inesperienza, ho usato un biberon comune comprato in un negozio per animali. Non avendo figli, non avevo neppure idea di cosa fosse la “tettarella anti-soffocamento”, che si è rivelata fondamentale invece nei giorni successivi! Gastone (il mio cucciolo), pur essendo di taglia piccola, era sempre molto affamato e molto vorace (caratteristica che, tra l’altro, ha mantenuto nel tempo) ed ho dovuto comprare un biberon da neonati. Un po’ più grande come tettarella, ma almeno ha smesso di soffocare!

Una cosa molto importante, durante l’allattamento, è la posizione del cucciolo. A differenza di quel che spesso dicono alcuni veterinari, la posizione corretta da tenere è verticale : il cucciolo deve restare poggiato con la testa sul vostro petto ed in posizione verticale. Se viene allattato come i neonati (supino o comunque disteso) è molto probabile che soffochi e che il latte gli vada nei polmoni portandolo alla morte! Attenzione!!! Ricordate anche che, una volta finita la “poppata” bisogna aiutarlo a fare i suoi bisognini! La mamma si aiuta con la lingua…a me non sembrava il caso. Basta utilizzare delle salviettine umide oppure un batuffolino di cotone bagnato con acqua tiepida e massaggiare il pancino del cucciolo. Fatelo sempre tenendovi sulle gambe un pannolino/traversina per cani in modo da poter ripulire tutto facilmente e far prendere confidenza al cane con quello che sarà il suo “gabinetto” fino alle vaccinazioni.

Nel caso in cui troviate un cucciolo in inverno è molto importante tenerlo in un posto riscaldato! Gastone è stato trovato a fine giugno e di calore ce n’era anche troppo… . Considerate che il cane ha bisogno nei primi giorni/mese di vita di mantenere una temperatura corporea sempre “altina” e che l’ipotermia è dietro l’angolo! In base alla taglia del cucciolo (il mio era circa 15cm e 400gr.) scegliete una borsa (quelle da trasporto per cani, io avevo un trasportino morbido) e metteteci dentro una coperta ed una borsa dell’acqua calda (anche due, se la borsa è grande) e copritela per non far stare il cucciolo troppo a contatto con il calore. Sul fondo della borsina mettete un pannolino, e se lo avete un pupazzino che lui utilizzerà per rifugiarsi durante il sonno. (Considerate che fino a 25/30 giorni il cucciolo dorme praticamente tutto il giorno, si sveglia solo il tempo necessario per mangiare). Nel prossimo articolo, la seconda parte dell’allevamento con lo svezzamento!

Buon Natale!

a cura di Micaela Monterosso

Taggato con: , , , ,
Pubblicato in articoli
  • Salvatore Claudio Chiarenza

    E se il cucciolo dà segni di soffocamento? Se tossisce latte? Come posso aiutarlo a liberarsi i polmoni? Il mio cucciolo l’ho trovato che era pieno di pulcette e di rogna, ora è a metà della cura, la malattia retrocede ma lui non vuole mangiare e a volte pur di non vederlo con il biberon in bocca senza fare niente viene voglia di spremere un po’ il biberon, puntualmente però gli va di traverso… Cosa faccio?

Clicca MI PIACE!
Accedi adesso!

Newsletter